Email di benvenuto: ecco come scriverla

Nella stragrande maggioranza dei progetti online, siano essi rivolti a privati o aziende, è prevista una strategia di email marketing. Il perché è presto spiegato: le mailing list sono risorse preziosissime per proporre i propri servizi o prodotti e, al contrario di quanto si senta dire in giro, l’email marketing non è assolutamente morto! Come inizia questo percorso? Ovviamente, con una bella email di benvenuto che accoglie l’iscritto e lo fa rimanere di stucco!

Vuoi scoprire come preparare un’email di benvenuto coi fiocchi? Allora leggi i nostri consigli!

Come creare una email di benvenuto

Partiamo dal capire a cosa serve realmente una email di benvenuto. Già sentiamo le voci gridare “a dare il benvenuto, noooo?”… ovviamente sì, ma non solo. Una welcome email ha lo scopo di accogliere l’utente, di mostrargli ciò che avviene dopo essere entrato a far parte degli iscritti e le opportunità alle quali avrà accesso.

Quindi, quali elementi deve contenere in sostanza?

Welcome email ed oggetto

L’oggetto è davvero la parte fondamentale della tua email di benvenuto. Sono le prime parole che l’utente legge. Dev’essere scritto in modo coinvolgente, interessante e accattivante. Cerca di infondere curiosità e voglia di approfondimento. Ricorda, poi, che la maggioranza delle welcome email viene aperta proprio perché l’utente si è iscritto volontariamente alla nostra mailing list, quindi più sarai in grado di stupirlo, più rimarrà sorpreso e si ricorderà del tuo servizio.

Un’accoglienza degna della tua azienda

Cosa significa degna della tua azienda? Bé, che indubbiamente deve rispecchiare il tone of voice che caratterizza il tuo servizio. Se offri soluzioni per avvocati o notai e hai impostato tutta la tua comunicazione in modo serio e formale, dovresti trasmettere lo stesso nella tua email di benvenuto. Con questo non intendo dire che sembrare un robot sia la via migliore, ma devi essere coerente con la linea comunicativa del tuo progetto.

welcome email gsite

Soddisfa l’occhio con la tua welcome email

Ormai è risaputo che l’occhio viene prima di qualsiasi altra sensazione, specie sul web. Di conseguenza crea una grafica piacevole, pulita, sempre in linea con il mood della tua azienda. Non serve riempire la welcome email con mille immagini confusionarie, ricorda: qualità è meglio di quantità. Ah, ovviamente il tema che scegli deve essere responsive, ossia deve adattarsi ai diversi device!

E ora che succede? Regalo!

Spiega, senza creare un papiro di email, cosa succederà nel momento in cui l’utente diventa parte della tua cerchia di contatti. E ricorda sempre, per fare bella figura, di offrire qualcosa in omaggio. Un piccolo buono sconto per provare il tuo servizio, un ebook gratuito sul tuo business, un codice omaggio per il tuo ecommerce. Quando ti trasferisci in un nuovo quartiere, vai a bussare al tuo vicino presentandoti con un bel vassoio di pasticcini? Troppi film americani, già. Però il senso rimane lo stesso: ricambiare la fiducia dell’utente con un piccolo pensiero, non potrà far altro che aumentare il suo apprezzamento nei tuoi confronti.

Non dimenticare i social

Finita la mail, terminato l’adorabile caffè preso con il tuo nuovo iscritto, saluta con un bell’arrivederci. E naturalmente, ricorda di inserire tutti i canali social dove l’utente può seguirti. Questo è un ottimo modo per far crescere la tua brand awareness grazie alla strategia di email marketing.

Allora, la tua email di benvenuto contiene già tutti questi elementi? Se la risposta è no, non disperare: sei sempre in tempo per recuperare subito! Poi, passa a leggere qualche consiglio per migliorare la strategia di email marketing. Buon lavoro!