La visibilità dei banner

Secondo un recente studio di comScore, l’utente medio spende solo 40 secondi su di una pagina web, eNON vede il 31% dei banner presenti nella pagina stessa.

La banner blindness, inoltre, peggiora tanto più si riempie la pagina di pubblicità, almeno secondo una ricerca di SAY Media riportata su Business Insider.

“Clutter is killing media”: lo scrivevo già 2 anni e mezzo fa, e ora la nuova ricerca di SAY Media sembra confermarlo.

L’agenzia ha preso i 3 modelli di layout che vedi nell’immagine qui sopra, e ha studiato i comportamenti dell’utente sulle 3 differenti pagine:

  • la pagina CLEAN conteneva un solo grosso banner sulla spalla di destra
  • la pagina CLUTTERED conteneva vari banner, di vari formati e di inserzionisti diversi
  • la pagina 100% SOV conteneva 3 banner di formati diversi ma dello stesso inserzionista

Ne è emerso che:

1. A livello di “percezione”, la pagina CLEAN trasmette un senso di maggior fiducia nei confronti del sito, che agli occhi dell’utente sembra più utile e migliore rispetto ad altri siti simili. Sulla pagina CLEAN, gli annunci pubblicitari paiono meglio disegnati e creano una esperienza migliore rispetto a quelli presenti nella pagina CLUTTERED.

2. Nella pagina CLEAN i banner vengono SEMPRE visti dall’utente! Inoltre, il tempo speso ad osservare l’annuncio pubblicitario è esattamente il doppio rispetto alla pagina CLUTTERED.

3. L’ad recall – ovvero la probabilità che la pubblicità venga ricordata in un secondo momento – è molto più elevata se l’annuncio è posizionato in una pagina CLEAN.

4. Infine, la pagina CLEAN è vincente sulle altre anche quando si tratta di message association (probabilità di ricordare il contenuto del banner) e purchase intent (propensione ad acquistare il prodotto/servizio pubblicizzato).

Unendo questo problema al fatto che un layout CLEAN è utile ad aumentare la resa della pubblicità e il trust nei confronti del sito web, ne deriva che l’adozione di un template pulito, con contenuti ben separati dai banner e annunci pubblicitari di dimensioni generose – ma relegati in un’unico spazio all’interno pagina – sia la via maestra da seguire.

Articolo tratto da blog.tagliaerbe.com