Social recruitment: benvenuto Facebook Jobs

Il social recruitment è una delle novità che la digitalizzazione degli ultimi anni ha introdotto, al fine di facilitare le azioni di ricerca del personale nei luoghi virtuali più frequentati.

In sostanza, il social recruitment consiste nell’utilizzare i social per ricercare potenziali candidati per le posizioni lavorative aperte. Il social che nasce appositamente per creare opportunità di questo tipo è LinkedIn. Al suo interno, infatti, è possibile costruire una sorta di curriculum online che i potenziali datori di lavoro possono consultare. Oltre agli annunci di lavoro ai quali gli utenti possono rispondere, finora LinkedIn era l’unico social che, ufficialmente, aveva lo scopo di creare collegamenti professionali e opportunità di collaborazione.

Il social recruitment prende il nome di Facebook Jobs

Ufficialmente, Facebook Jobs nasce per aiutare le imprese americane a trovare candidati in maniera più semplice. Noi, però, sappiamo bene che l’appetito dei boss di Facebook è in continua crescita. Come saziarlo? Lanciando una nuova feature, disponibile da pochi giorni negli USA ed in Canada.

Ecco a voi Facebook Jobs!

Una semplice interfaccia a cui possono accedere gli amministratori della pagina, permetterà la pubblicazione piuttosto rapida di annunci di lavoro.

Gli utenti, a loro volta, potranno rispondere agli annunci attraverso pochi e semplici passaggi.

Prendere ispirazione dai competitor

Più che prendere ispirazione, le persone a capo di Facebook stanno implementando la maggior parte delle funzionalità di valore che contraddistinguono la concorrenza. Non molto tempo fa, infatti,  sono state introdotte le stories del social Snapchat, sia su Whatsapp che su Facebook.

Con l’introduzione del social recruitment su Facebook, anche LinkedIn viene preso di mira da parte del social che sembra diventare (o forse lo è già?) più potente tra tutti. Finora, la differenza fondamentale tra LinkedIn e Facebook è stata nella tipologia di contenuti pubblicata. Mentre su Facebook gli utenti tendono a pubblicare foto divertenti, video virali e pensieri personali, su LinkedIn l’attenzione è più concentrata nella creazione di rapporti professionali. Ma oggi qualcosa è inevitabilmente cambiato.

Se la nostra intenzione è quella di sfruttare questa nuova funzionalità, dovremo avere cura di aggiornare il nostro profilo privato, eliminando i contenuti più compromettenti; i responsabili delle risorse mane, si faranno senza dubbio un giro sul nostro account.

Come verrà presa dalle persone questa nuova integrazione del social recruitment? A Facebook Jobs verrà prestata l’attenzione che merita oppure LinkedIn sarà sempre il social professionale per eccellenza? Nei prossimi mesi ne sapremo di più!