Posizionamento sui motori di ricerca: fai innamorare Google del tuo sito

Quante volte ti sei ritrovato nella veste di Cupido? Quanti amici hai fatto conoscere, sperando che scattasse la scintilla? Qualsiasi risposta tu stia per dare, preparati ad indossare nuovamente aureola, arco e cuori a volontà.

Prossima missione? Far innamorare Google del tuo sito web utilizzando il posizionamento sui motori di ricerca. L’arma segreta? La SEO

Il posizionamento sui motori di rierca: SEO on-page e SEO off-page

Prima di puntare a destra e sinistra con le tue frecce piene zeppe di link, abbi cura di aver compreso la differenza tra i due tipi di SEO.

seo-off-page-gsite

La SEO on-page riguarda il tuo sito in prima persona e comprende elementi che vanno curati a regola d’arte, come:

  • l’ottimizzazione del codice
  • la qualità dei contenuti
  • la velocità del sito, la sitemap ed il file robots

Prima di ogni altra operazione utile a lavorare per il posizionamento sui motori di ricerca, devi aver completato alla perfezione tutti questi passaggi. Il tuo sito dovrà essere costituito da contenuti di buona qualità con keywords ricercate e potenti, il codice dovrà essere ottimizzato in ogni punto e Google e gli altri motori di ricerca dovranno avere ben chiaro il messaggio che vuoi trasmettere. È un po’ come la prima impressione, il primo sguardo, il primo bacio.

Dopo aver instaurato una relazione con una persona, rimane comunque del lavoro da fare, no? Ciò che l’altra persona pensa di te, la sua fiducia e la qualità dei sentimenti.. sono tutte cose che arriveranno col tempo, giusto? Ed ecco che entra in gioco la SEO off-page. Se vuoi approfondire, leggi questo articolo in cui ti suggeriamo 3 tecniche per fare SEO offsite.

Per guadagnarti il benestare di Google & friends e sfruttare il posizionamento sui motori di ricerca, dovrai lavorare sodo e bene, ma senza calcare la mano. Molti pensano che la SEO off-page sia solo una questione di link, ma non è così. Per una buona strategia SEO, l’ideale è costruirsi una buona reputazione nel tempo. Pubblicando spesso dei buoni contenuti, l’autorevolezza del sito aumenta, la fiducia degli utenti che li leggono anche, rendendo il tuo dominio fortemente credibile. L’ideale sarebbe far crescere la quantità di link che puntano al tuo sito in maniera naturale, come suggerisce Neil Patel, facendo in modo che siano i lettori stessi a rimanere impressionati e a condividere i tuoi articoli, regalandoti link.

Lascia perdere l’acquisto di link a pagamento, rischieresti delle gravi penalizzazioni che andrebbero ad influire sul tuo posizionamento sui motori di ricerca. Non compreresti mai l’amore della persona che sta al tuo fianco, giusto? E allora perché comprare dei link che puntano al tuo sito? Perché rovinare un lavoro creato con cura ed attenzione, con dei domini di poca qualità e di scarsa fiducia? Meglio aspettare un po’ ed avere dei bei risultati, piuttosto che voler tutto e subito e rovinare l’intera struttura del sito.

A prendere il posto dei chiacchieroni, online ci sono i social media. La reputazione di una persona, così come per un sito web, è chiaramente influenzata anche dalle persone che stanno intorno. Nella tua strategia di SEO off-page, ricorda di integrare i segnali social e di condividere anche su Facebook, Twitter e company i tuoi contenuti. Non vorrai rischiare di perdere delle opinioni così importanti in merito alla tua credibilità, vero? Leggi qualche suggerimento specifico per gestire ogni social media!

seo-off-page-gsite-2
Cerca di avere un approccio più naturale possibile. L’inbound marketing è ciò che funziona oggi, ossia il coinvolgimento naturale e spontaneo dell’utente, che viene messo al primo posto. Dopodiché, procedi con l’ottimizzazione on-site e sfrutta al meglio le tue strategie di SEO off-page per costruirti una buona reputazione nel tempo.

Nella la SEO come nella vita, non serve strafare ed esagerare, ma è necessario effettuare un lavoro costante nel tempo. I risultati arriveranno, garantito!

Vediamo ora nel dettaglio, cosa si intende per posizionamento sui motori di ricerca e quali sono i passi fondamentali da rispettare.

Cosa si intende con posizionamento sui motori di ricerca?

Ci sono diverse strategie SEO per ottimizzare il proprio sito web e di conseguenza, il suo posizionamento sui motori di ricerca. Vediamo come procedere per fare un lavoro ottimale!

Primo passo: indicizzazione sui motori di ricerca

Per quanto sembri scontato è sempre il caso di ribadirlo: non è possibile ottenere il posizionamento sui motori di ricerca di un sito che non viene visto ed indicizzato. Per questo, qualunque tipo di analisi deve partire da uno studio di come i motori di ricerca esplorano e leggono il sito. Ancora più importante quando il sito è in fase di progettazione è che il consulente SEO possa lavorare in team con il web designer e chi scrive i contenuti per non dover correggere gli errori di programmazione in un secondo momento e risparmiare così sui costi di modifica.

Secondo passo: verifica del posizionamento sui motori di ricerca

Un passaggio altrettanto importante è quello relativo al monitoraggio: non è possibile acquistare un sito “ottimizzato SEO” da qualcuno che non preveda un periodo di misurazione del ranking, cioè delle variazioni nel posizionamento nella lista dei risultati di ricerca. Un sito perfettamente programmato non è necessariamente quello meglio posizionato: dipende da molti fattori indipendenti e dal confronto con gli altri siti che ambiscono alla stessa posizione. Questa considerazione ci porta ad affrontare la questione più importante:

posizionamento sui motori di ricerca: misurazione, progettazione e prezzi.

Quali sono i costi del posizionamento sui motori di ricerca?

Se un consulente vi propone un prezzo per ottenere un risultato, ad esempio vi garantisce la prima pagina in cambio di una cifra fissa, sta sicuramente facendo una scommessa molto azzardata.

Come abbiamo appena visto, anche il sito perfetto deve confrontarsi con fattori che non dipendono dalla sua strategia SEO. Prima di tutto c’è l’algoritmo del motore di ricerca, cioè la complessa formula algebrica che attribuisce un punteggio ai siti. Questo è di proprietà esclusiva del motore di ricerca che può cambiarlo in qualunque momento apportando drastici cambiamenti ai risultati – si pensi a quanti siti sono letteralmente scomparsi dai risultati dopo il rilascio delle due versioni più aggiornate: Google Panda e Penguin.

Un altro fattore esterno che influisce moltissimo sul posizionamento sui motori di ricerca è la concorrenza: se i vostri competitor sono molto attivi sul fronte SEO allora dovrete mettere in campo risorse altrettanto valide e consistenti per poter andare ad ottenere un punteggio migliore.

Per essere certi di fare un buon investimento assicuratevi che l’offerta preveda sempre questi tre punti, senza cedere alle lusinghe di chi promette risultati semplici e immediati che non può in alcun modo garantire.